Cleansing brush Foreo per la pulizia del viso quotidiana

Foreo Luna Mini

Sessanta secondi al giorno per una pelle più luminosa: è possibile? Avere una pelle perfetta, anche acqua e sapone, è il sogno di ogni donna e un buon risultato si ottiene con la sinergia di tante azioni, da uno stile di vita sano all’uso di prodotti adatti al proprio tipo di pelle. Ma innanzitutto occorre partire da una buona pulizia del viso. Per quest’ultima io sto utilizzando la cleansing brush di Foreo, Luna Mini, un dispositivo con filamenti in silicone dal packaging pratico, accattivante e colorato made in Svezia. Va utilizzato una volta al giorno, tutti i giorni, insieme a un detergente, che deve essere delicato, quindi via libera a latte detergente, mousse oppure sapone liquido. Infatti l’azione di detergenti granulosi risulterebbe troppo aggressiva se usati insieme a Luna di Foreo.

Foreo Luna Mini

Luna Mini è uno dei dispositivi Foreo per la pulizia del viso

Al mattino, dopo aver steso sulla pelle del viso il latte detergente, passo sotto l’acqua corrente fresca Luna Mini e procedo quindi alla pulizia del viso utilizzando il dispositivo. Luna Mini si interrompe automaticamente ogni 15 secondi, in questo modo è possibile cambiare facilmente zona del viso senza sovratrattare una parte. Una volta terminati i 60 secondi, che io suddivido in 15 per ogni guancia, 15 per la fronte e 15 per naso e mento, sciacquo il viso con abbondante acqua fresca per poi procedere con la beauty routine.

Luna Mini

Packaging pratico e di design, Luna Mini ha due velocità e si regola con un unico tasto

Luna Mini

Dopo aver steso sul viso il detergente, bagnate con acqua corrente fresca Luna Mini e utilizzatelo sul viso per 60 secondi

Da quando la utilizzo, circa un mese, la pelle del viso ha generalmente un aspetto più sano e luminoso. Responsabili di questa pulizia approfondita e di un miglioramento della aspetto della pelle sono le pulsazioni T- Sonic, tecnologia alla base dei dispositivi Foreo, che sono onde a bassa ed alta frequenza che pulsano in profondità attraverso lo strato dermico della pelle. Queste pulsazioni, in combinazione con i filamenti in silicone, aiutano a rimuovere residui di make up, sporco e grasso, inoltre rendono il viso più tonico e liscio, riducendo le rughe d’espressione. Attenzione, se avete problemi particolari di acne o altre patologie della pelle gli esperti Foreo raccomandano di consultare il dermatologo prima di utilizzare un qualsiasi dispositivo.

Luna Mini

Luna Mini si ricarica al computer grazie a un caricatore USB. Arriva fino a 300 utilizzi con una ricarica

La gamma di dispositivi Fore per la pulizia del viso comprende Luna Beauty Care Totale disponibile in tre versioni che si adattano a ogni tipo di pelle e dotato di superficie anti-età, Luna Mini per una pulizia delicata e approfondita delle impurità, Luna For Men da utilizzare prima della rasatura, e infine Luna Luxe realizzato con una base in oro o platino. Tutti i dispositivi sono resistenti al 100% all’acqua e possono essere utilizzati anche in vasca o sotto la doccia. Grazie ai filamenti in silicone non richiedono sostituzioni e in Italia si possono acquistare nei punti vendita Douglas, nei saloni Aldo Coppola, nelle migliori farmacie e online su http://www.foreo.com.

Luna Mini

Luna Mini Foreo con il pratico caricatore

COSA: cleansing brush Foreo Luna Mini

DOVE: punti vendita Douglas, saloni Aldo Coppola, http://www.foreo.com

 

 


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

La nascita di Magnum Photos

Ci sono scatti che entrano nella storia e sicuramente quelli di Robert Capa e degli altri fondatori dell’agenzia Magnum Photos sono tra questi. Dai reportage di guerra alle foto delle popolazioni africane, sono 120 le fotografie che fanno parte della mostra “La nascita di Magnum“, allestita presso il Museo del Violino di Cremona e visitabile ancora fino al 15 febbraio. Sono stata di recente a vedere l’esposizione, che con le sue immagini racconta alcuni momenti cardine del 900, la bravura dei fotografi e l’evoluzione del mestiere del fotogiornalista.

India, Ghandi

India, Gandhi detta un messaggio, 1948. Henri Cartier Bresson / Magnum Photos

Dalla terrazza del ristorante del MOMA di New York, dove Robert Capa, Henri Cartier Bresson, George Rodger e David Seymour “Chim” nel 1947 hanno fondato l’agenzia fotografica Magnum, l’obiettivo dei fotografi associati si è esteso a tutto il mondo. A Bresson l’Oriente, a Seymour l’Europa, a Rodger Africa e Medio Oriente, a Vandivert l’America e a Robert Capa piena libertà d’azione in tutto il mondo. La novità assoluta? I fotografi rimangono proprietari dei negativi, grazie alla formula della cooperativa che tutela i diritti e il lavoro del fotografo.

rifugiati di guerra

Grecia, rifugiato di guerra. David Seymour / Magnum Photos

Tra le foto esposte sono senza dubbio straordinarie le immagini di guerra di Robert Capa o le ultime fotografie di Gandhi catturate dalla sensibilità di Cartier Bresson, ma uscendo dalla mostra mi sono portata nel cuore le immagini degli orfani di guerra scattate da David Seymour, che portano alle luci della ribalta le conseguenze del secondo conflitto mondiale, anche le meno evidenti, come la solitudine dei bambini. La nascita dello stato di Israele e il documentario sulla tribù dei Nubs in Sudan completano l’allestimento di Marco Minuz, che ha permesso per la prima volta di confrontare insieme questi reportage.

COSA: mostra “La nascita di Magnum. Robert Capa, Henri Cartier Bresson, George Rodger, David Seymour Chim”

DOVE: Cremona, Museo del Violino fino al 15 febbraio. http://www.mostramagnumcremona.it


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

Wellness Day da Chiara Hair Studio

Una giornata di benessere e bellezza, dedicata alla cura del capello e non solo. Anche massaggi rilassanti e deliziose tisane specifiche. E’ il Wellness Day da Chiara Hair Studio, salone di parrucchieri che si trova ad Abbiategrasso, in provincia di Milano. Chiara Bellati, titolare del salone, mi spiega com’è nata l’idea di questa giornata con qualche coccola in omaggio alle clienti. “Ultimamente le persone che venivano nel salone parlavano solo di crisi e mi sono resa conto che avevano bisogno di dedicarsi qualche attenzione in più, ma non potevano investirci, quindi abbiamo deciso di fare loro questo piccolo regalo”.

tisane

Tisane per rinforzare i capelli e tisane per renderli lucenti, da dolcificare con il miele e gustare con qualche biscotto

Il Wellness Day, per le clienti che il mercoledì si recano in salone per servizi di parrucchiere, comprende un massaggio base alla testa, prima o dopo lo shampoo. Se prima, viene fatto con uno shampoo biologico, mentre nel dopo viene fatto con olii essenziali. Durante la giornata è possibile degustare tisane specifiche per i capelli, per rinforzarli o per renderli lucenti, accompagnate da diversi dolcificanti e biscotti. Il contesto rilassante è completato da musica di sottofondo e candele.

lavelli

Il massaggio base può essere fatto ai lavelli con uno shampoo biologico oppure dopo aver lavato i capelli con olii essenziali

fiori

Pareti colorate, fiori e decorazioni rendono il salone allegro

I massaggi base che vengono offerti durante il Wellness Day sono proposti anche negli altri giorni, insieme a diversi trattamenti benessere, come scrub idratanti alle mani o massaggi sulla sedia relax. Infine, la consulenza sulle anomalie del capello è un’altra caratteristica di queste giornate benessere da Chiara Hair Studio, che spesso ospita anche la tricologa e psicologa Donatella Brazzoli per assistere al meglio le clienti.

prodotti Fisio

Prodotti biologici per capelli della linea Fisio

urban tribe

Cosmetici e prodotti per capelli Urban Tribe

candela

Candele profumate e fiori per creare un’atmosfera rilassante

chiara

Chiara Bellati, al centro, insieme alle sue assistenti Chiara e Valeria

COSA: giornata benessere, ogni mercoledì, abbinata a servizi di parrucchiere

DOVE: Chiara Hair Studio, Via C.M. Maggi 114, Abbiategrasso (MI)

 

 

 

 

 


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

Bibijoux Bianca D’Aniello

atelier Bianca d'Aniello

Una laurea in lettere moderne, poi il lavoro in campo pubblicitario e infine la scelta di virare verso una creatività più manuale. Le donne che scelgono di cambiare vita e trovare la propria strada lanciandosi in una nuova avventura mi stanno proprio simpatiche. Così ho incontrato Bianca D’Aniello, napoletana trapiantata a Milano, che dal 2009 ha trasformato il suo hobby, la creazione di bijoux, in un lavoro. A Milano il suo atelier è in via Formentini, zona Brera, in uno spazio piccolo, ma molto luminoso grazie alle sue creazioni.

collier con castoni di pietre naturali

Collier in ottene bagnato in oro, con castoni di pietre naturali colorate

Collane, orecchini, braccialetti, anelli, spille e accessori per capelli: tante tipologie di gioielli, con un materiale principe, l’ottone. “I miei gioielli sono realizzati sopratutto in ottone, che poi faccio satinare a mano perché amo l’effetto opaco, poi li bagno in oro o in argento bruno, che sta bene anche con l’oro. Spesso aggiungo pietre naturali, che scelgo sopratutto in base al colore e alla resa nell’accostamento”.

torchon

Torchon in maglia dorata. Basta un gioiello importante per rendere prezioso un look

Dai materiale nascono le idee. “Faccio la prima bozza utilizzando direttamente i materiali, quindi realizzo dei prototipi manualmente. Collaboro con degli artigiani che realizzano le parti principali della creazione, come la saldatura, mi danno poi un semilavorato che completo io manualmente e infine i bijoux sono pronti per la doratura” mi spiega Bianca. Il cerchio è la forma che maggiormente caratterizza le sue creazioni, nate sopratutto con gli orecchini fino ad arrivare alla Bibishoes, la scarpa gioiello disegnata da Bianca.

bibishoes

Le Bibishoes di Bianca D’Aniello sono realizzate in pelle di pitone con cavigliera gioiello in ottene bagnato in oro e cristalli. Foto Marzia Bettoli

Il suo stile è un po’ gipsy e chic al tempo stesso, i suoi macro bijoux incontrano la raffinatezza delle forme, che grazie alla satinatura e al bagno in oro acquistano un aspetto quasi antico, che dona ricercatezza ad ogni outfit. I lunghi orecchini da gitana che poggiano sulle spalle si accompagnano a bracciali rigidi o morbidi, ma sempre a fascia alta. Lunghe collane, che vanno portate anche lungo la schiena, sono realizzate con catene di diversi tipi e spesso accompagnate da castoni di pietre naturali.

bracciali rigidi

Bracciali rigidi alti con lavorazione che sembra un pizzo. Foto Marzia Bettoli

catene

Lunghe collane realizzate con catene di ogni tipo. Foto Marzia Bettoli

Anche cerchietti e accessori per capelli fanno parte delle collezioni di Bianca d’Aniello, realizzati con roselline e una pietra luminosa nel bocciolo oppure con pietre naturali circondate da piccoli strass.

cerchietti

Cerchietti con pietre naturali circondate da piccoli strass

Come indossare bijoux così importanti? “Vedo i miei gioielli su una donna con un carattere forte e una bella personalità,” risponde Bianca “essendo vistosi vanno portati bene. L’ideale sarebbe con un look minimal, come un abito nero o semplicemente in jeans con un top bianco. La semplicità a volte è ricercata. Amo una donna che personalizza il suo look mixando le grandi griffe con accessori scovati a un mercatino”.

blu elettrico

Il blu elettrico sta bene sia con il color oro che con l’argento

bracciali rigidi con borchie

Bracciali rigidi con le borchie per un tocco rock

COSA: bijoux e accessori

DOVE: atelier Bianca d’Aniello, via Formentini 7, Milano

 

 

 


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

Merry Go Round, look ricercati sulla giostra della moda

Un giro di giostra e il vostro look è cambiato. Entrate da Merry Go Round in corso Cristoforo Colombo, zona Porta Genova, a Milano e divertitevi con Cristina Doneddu, proprietaria nonché creatrice del concept dello spazio, a indossare abiti che interpretino il vostro umore e la vostra personalità. Dalla Sardegna a Milano, passando per Londra, Cristina lavora in questo campo da 10 anni e ha maturato pian piano la decisione di aprire una sua attività. “Sentivo la necessità di esprimermi con il mio lavoro a 360°” mi racconta quando vado a trovarla nel suo negozio, total white, ma con tocchi di materiali naturali, come il legno e la pietra.

tavolo in legno e vetro

Nello spazio di Merry Go Round il bianco minimal e moderno si sposa con elementi naturali, come un tavolo dalla base in legno su cui esporre tutta la fantasia della giostra della moda

“L’allestimento del negozio è una via di mezzo tra lo stile minimal e naturale, perché è così che mi sento io”. La particolarità? Arriva tutto dalla sua terra d’origine, la Sardegna, e alla realizzazione ci ha pensato il papà di Cristina, Alberto. “Per la progettazione ho attinto un po’ da ciò che sono io e poi ho ricercato tante piccole cose, per creare un equilibrio tra come vivo io la moda e quello che ricercano le persone che entrano in negozio”. L’obiettivo è che ciascuna cliente posso trovare un capo che la rispecchia. “Indossare qualcosa che ti fa stare bene non è ovviamente la soluzione a tutti i problemi, ma ti aiuta a vivere meglio” secondo Cristiana.

stand abiti

La selezione dei marchi è molto ricercata e spesso trovate solo un capo per tipologia, ma ci sono nuovi inserimenti nell’assortimento ogni settimana

“Il nome Merry Go Round nasce per la filosofia del negozio, ci sono sempre novità, è come una giostra che gira“. Infatti pensate che la vetrina di Merry cambia ogni due giorni, ci sono nuovi inserimenti nell’assortimento ogni settimana e ogni due settimane c’è un cambio consistente delle merce esposta. Continua Cristina: “Nella mia selezione cerco di proporre dei capi che siano originali nei dettagli oppure per il taglio o ancora per la vestibilità. Cerco di proporre tanti generi e stili diversi. La bellezza della moda è che offre un panorama infinito di stili con cui giocare, così come in negozio entra un panorama infinito di persone diverse”. Potete così trovare abitino bon ton, ma anche quello street style, l’abito in pelle e la casacca minimal, fino a un abito da sera con lo strascico. O ancora tanti dettagli con applicazioni, strass e pailettes.

accessori

Non solo abiti. Da Merry Go Round trovate anche tanti accessori particolari, dalla pochette al maxi bijoux, fino ai guanti in pizzo retrò

La selezione dei suoi marchi è segretissima e molto particolare e trovate anche giovani designer. “Spesso entrano in negozio persone che cercano un look originale per un’occasione particolare, mentre le clienti abituali sono persone con uno stile ricercato”. Il colore è sempre presente, così come la varietà di tessuti, dalla lana alla seta, senza dimenticare l’importanza degli accessori. “Credo tanto negli accessori – conclude Cristina – come una piccola pochette o un bijoux importante, ma anche guanti in velluto e in pizzo”. Siete pronte a salire sulla giostra?

borse

Tra borse e occhiali, sugli scaffali in pietra, ecco spuntare una vecchia macchina da cucire e uno specchio di ferro

letto

Un antico letto in ferro battuto è diventato la scrivania di Merry Go Round, con esposizione di bijoux

giostra

Siete pronte a salire sulla giostra?

COSA: abbigliamento e accessori

DOVE: Merry Go Round, Corso Cristoforo Colombo 4, Milano

 

 

 


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

1 24 25 26 27 28