Cambio dell’armadio: 5 consigli per un guardaroba efficiente

FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

Buttare o tenere? Questa maglia mi piace, ma non so con cosa metterla.Tornerà di moda l’anno prossimo? Mi sono spesso fatta queste domande al momento del cambio dell’armadio, quando devo riorganizzare il mio guardaroba per la stagione corrente. Averlo in ordine e ben organizzato significa per me anche renderlo efficiente: devo trovare subito quello che mi serve. Pena la perdita del treno al mattino o peggio arrivare in ritardo con mio figlio all’asilo. In questi giorni mi sto occupando del cambio di stagione per fare posto a maglioni e vestiti pesanti e così ho pensato di scrivere questo post per condividere con voi tutti i trucchi che ho imparato nel tempo per fare questa operazione. Inoltre ho chiesto qualche consiglio alla personal shopper e consulente d’immagine Lisa Campolunghi, che con il suo servizio Analisi del Guardaroba riorganizza l’armadio e crea outfit con gli abiti che già avete.

lisa campolunghi

La personal shopper e consulente d’immagine Lisa Campolunghi

Andiamo per punti e con ordine, che mi sembra già un buon inizio!

1- Fate il cambio dell’armadio quando siete di buon umore. Quando si mette mano ai vestiti è facile trovare qualcosa che non sia più in buone condizioni e sia quindi da buttare oppure l’abito che vi stava magnificamente a 20 anni, ma che ora proprio non ci entra nemmeno una gamba, quindi sarebbe meglio regalarlo… insomma questi momenti è meglio affrontarli quando si è in buona secondo me.

2- Valutate cosa vi sta veramente bene e cosa vi sta male. E’ dura, perché è la fase in cui si deve ammettere di aver fatto un po’ di shopping sbagliato, ma è necessario se non volete ritrovarvi l’armadio pieno di cose che non mettete. Parola di personal shopper. “Quando si fa il cambio dell’armadio è meglio tenere solo ciò che sta bene e che valorizza. Mi è capitato di risistemare il guardaroba di una cliente che amava moltissimo le gonne a tubino, peccato che non le stessero bene!”

3 – Ok le mode ritornano, ma solo per i capi di qualità. “Fate un’analisi delle tendenze in corso, ma tenete solo i capi in buono stato. E’ vero che le modo ritornano, ma i maglioncini low cost difficilmente si conservano per 10 anni. Io consiglio sempre di tenere il cappotto importante oppure il tailleur classico”. Insomma va bene seguire le mode, ma ancora meglio è seguire ciò che vi valorizza e i capi che durano nel tempo.

cambio dell'armadio saponette

Saponette profumate: sono sempre un must per i cassetti ed è piacevole indossare biancheria profumata

4 – Sistemate subito i capi che necessitano di una riparazione. Altrimenti vi ritroverete come me, che ieri volevo indossare i miei pantaloni neri nuovi, trovati in saldo la scorsa stagione, peccato che non siano andati da soli dalla sarta a farsi accorciare. E io non sono capace di fare gli orli.

5 – Disponete i capi per tipologia, ma pensate già a come abbinarli tra loro. Questo è importante per non ritrovarsi con diversi capi che non vengono mai indossati. “Questo succede quando si compra un abito senza pensare con cosa può essere abbinato. Io consiglio sempre quando si compra un capo di pensare ad almeno 3 capi già presenti nel guardaroba con cui può essere abbinato. Inoltre è importante provare sempre tutto, anche se avete già acquistato abiti in quel negozio e sapete la vostra taglia, perché la vestibilità di un abito è sempre diversa”.

cambio armadio grucce

Io uso grucce di perline e contenitori colorati per rendere più carino il guardaroba

Per finire ecco i capi da inserire assolutamente nel guardaroba secondo Lisa. “Io consiglio a tutte di investire sui capi classici che ti salvano quando apri l’armadio e non sai cosa mettere. Camicia bianca, vestito nero, jeans e blazer. Per le scarpe non devono mai mancare decolletè con tacco, una scarpa bassa stringata e un mocassino“.

Ho pensato poi di lasciarvi qualche informazione sul servizio Analisi del guardaroba di Lisa per chi ha bisogno di un intervento radicale sull’armadio o per chi si ritrova, ad esempio per lavoro, a dover cambiare il proprio abbigliamento. “Il servizio naturalmente si svolge a casa della cliente, per intervenire direttamente sul guardaroba, solitamente su quello della stagione in corso. Si svuota il guardaroba e si divide per tipologia. Buttiamo ciò che è rovinato, mettendo da parte i capi che necessitano di riparazione. Chiedo sempre di provare qualche capo per capire cosa si adatta di più alla cliente e poi le propongo di eliminare i capi che non la valorizzano. Creo quindi dei look con i capi che abbiamo deciso di tenere, per poi riporre tutto nel guardaroba con divisione per tipologia di capo. A seguire possiamo anche analizzare gli accessori e il make up. Per finire guardiamo quali capi possono essere acquistati per far funzionare anche tutto il resto”. Insomma una vera e propria radiografia dell’armadio. Il costo è di 200 euro per la zona di Milano e Pavia, a cui si aggiunge un rimborso spese per le destinazioni più lontane. La durata del servizio è di almeno 4 ore.

lisa campolunghi armadio

Quattro ore per riorganizzare un armadio! Voi pensate di farcela?

Pronte? Io mi metto a finire il cambio dell’armadio dopo aver scritto questo post (così sono motivata per bene a buttare ciò che non mi sta bene), fatemi sapere com’è andato il vostro!

COSA: servizio Analisi del Guardabora

DOVE: http://www.lisacampolunghi.it personal shopper e consulente d’immagine


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

2 Comments on Cambio dell’armadio: 5 consigli per un guardaroba efficiente

  1. Lisa
    11 ottobre 2016 at 16:31 (7 mesi ago)

    Grazie Benedetta per questa intervista…mi ha fatto molto piacere!

    Rispondi
    • benedetta
      13 ottobre 2016 at 09:45 (7 mesi ago)

      Ciao Lisa! Ci vediamo presto spero ; )

      Rispondi

Leave a Reply