Tiffany Return e gli orecchini sopravvisuti alla lavatrice

FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

No, non ho preso una botta in testa e perso la capacità di fare i titoli. Volevo dirvi proprio questo: uno dei miei orecchini Tiffany Return a cuore è stato per un mese in lavatrice ed è sopravvissuto. Ma andiamo con ordine. La linea Return to Tiffany reinterpreta l’iconico portachiavi della maison newyorkese lanciato nel 1969, in argento, a forma di cuore, con l’incisione: Please Return to Tiffany&Co. La linea di gioielli in argento e oro a lui ispirata è oggetto del desiderio di molte donne, che grazie a questa collezione meno impegnativa possono portare con sé ogni giorno un po’ della magia di questo mondo scintillante. Naturalmente io sono una di quelle e nel primo giorno del mio viaggio di nozze a New York mi sono fiondata sulla 5th Avenue per immergermi nel glamour del flagship store di Tiffany. Indovinate con cosa sono uscita? No, non con gli orecchini.

tiffany return orecchini

Come vedete quello nella foto a sinistra è più opaco: unico ricordo di un mese in lavatrice, per il resto la struttura è rimasta intatta! Penso basti riportarlo a lucidare.

Da quel giorno al polso mi fa compagnia con il suo peso elegante e leggero uno dei bracciali Bead in argento della linea Tiffany Return, quello classico con palline e ciondolo a cuore piccolo. Gli orecchini sono stati un regalo di mio marito per quando è nato nostro figlio Riccardo, per questo motivo ci tengo moltissimo, oltre al fatto che li trovo raffinati e adatti a tutti gli outfit. Proprio perché li porto sempre, è capitato che uno dei due, con la vite allentata, cadesse insieme ai panni mentre caricavo la lavatrice. Me ne sono accorta prima di farla partire, ho scaricato la lavatrice cercando l’orecchino ovunque, eppure niente. Affranta, il giorno successivo ho telefonato a tutti i posti che avevo visitato in giornata, temendo di averlo perso prima.

tiffany return orecchini 2

Delicati, raffinati ed eleganti. Ve l’ho già detto che mi piacciono tanto?

Dopo un paio di giorni di ricerche, in casa e fuori, mi ero messa il cuore in pace, appuntandomi mentalmente di verificare se non fosse possibile acquistarne solo uno separatamente. Dopo circa un mese, ripeto un mese, durante il quale ogni tanto davo una controllata alla lavatrice sperando di trovare il mio orecchino, scaricando un bucato è miracolosamente ricomparso, in mezzo ai vestiti appena lavati. Ora io mi inchino davanti alla qualità di Tiffany, perché dopo un mese di centrifughe e lavaggi l’orecchino era perfettamente intatto. Solamente l’argento è un po’ ossidato, ma a questo penso si possa porre rimedio (appunto mentale di chiamare Tiffany per avere istruzioni).

orecchini tiffany

Eccomi con indosso i miei amati orecchini :)

Vi ho parlato di questa storia curiosa per avere l’occasione di condividere con voi qualcosa che mi caratterizza molto e a cui tengo. Anche voi amate la linea Return To Tiffany&Co.? Avete qualche storia particolare legata a questi accessori deliziosi?

L’indirizzo migliore per scoprire Tiffany è questo: New York, all’incrocio tra la 5th Avenue e la 57a strada. Lì vicino dovrebbe esserci uno Starbucks dove prendere un caffè e un dolce da mangiare davanti alle vetrine, meglio se indossando un paio di Ray Ban che nascondono uno smokey un po’ sbiadito, proprio come Audrey Hepburn alla fine di una notte di festa in Colazione da Tiffany.

Ti potrebbe interessare anche:

- Sabrina Manin Vintage, a Milano ricerca di stile sempre attuale

- Nianì Bijoux: la creatività di Sonia tra yoga ed essenzialità


FACEBOOK
FACEBOOK
INSTAGRAM
EMAIL
SHARE

Leave a Reply