Archive of ‘Cultura’ category

Mostra Magnum Life Cremona 2017: racconto per immagini

Spanish painter Salvador DALI. "Dali Atomicus." 1948.

Torna a Cremona una mostra sull’agenzia fotografica Magnum, in particolare sul rapporto tra l’agenzia e la rivista americana Life, quando questa era all’apice della sua notorietà, prima che l’arrivo della televisione soppiantasse il racconto per immagini su cui il settimanale aveva costruito il suo successo. La Mostra Magnum Life Cremona 2017 è aperta al pubblico fino all’11 giugno presso il Museo del Violino. Io ci sono stata lo scorso week end e volevo parlarvi dell’esposizione perché mi è piaciuta davvero molto, oltre ad essere un’ottima occasione per visitare la città di Cremona. Sono dodici i fotografi protagonisti che hanno raccontato la storia del Novecento grazie ai loro scatti pubblicati su Life: Eve Arnold, Werner Bischof, Bruno Barney, Cornell Capa, Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Ernst Haas, Philippe Halsman, Inge Morath, Dennis Stock.

marylin-monroe-magnun-life-cremona-2017

Marylin Monroe nel deserto del Nevada durante le riprese de Gli Spostati

(altro…)

Escape, storie di vita senza rete

escape

Quando ci troviamo nell’aridità, che sia creativa, personale o lavorativa, è difficile scovare l’oasi di freschezza che disseti la voglia di realizzazione e novità. Anche se le circostanze sono avverse, sta a noi fare il primo passo, anche piccolo e simbolico, per uscire dal deserto. Questa è la storia di Laura Novara, fotografa con un passato nel marketing e nelle vendite, che è uscita dal suo deserto lavorativo grazie alla luminosità della fotografia. Una storia comune a molte donne, quella dell’insoddisfazione che ti fa sentire in gabbia, tanto che Laura ha scelto di dedicarci un progetto fotografico, “Escape, storie di vita senza rete“, presentato lo scorso 2 aprile a TFP Live, evento del magazine The Friday Project, e che potrete seguire e ammirare sul sito http://www.ennefoto.com/escape. Sabato scorso a TFP Live ho visto la mostra e incontrato Laura, che mi ha raccontato di sé, dei suoi ritratti e di quanto sia bello fotografare i matrimoni.

Escape, storie di vita senza rete

Escape, storie di vita senza rete. Foto Laura Novara

(altro…)

L’arte del bijou italiano a Palazzo Reale

bozart

Immaginate di immergervi in una sala che richiama contemporaneamente gli eccessi degli anni ’80, lo stile e il gusto degli anni ’60 e la voglia di sperimentare degli anni ’70. E’ così la sala di Palazzo Reale, a Milano, dedicata alla mostra “L’arte del bijou italiano“, esposta fino al 2 marzo, ingresso libero. Mi sto appassionando sempre di più al bijou, che offre la possibilità con un semplice accessorio di cambiare stile a un abito, viaggiare nelle terre dell’etnico, per poi ritornare nel glamour dei cristalli. Ho visitato la mostra, legata all’Homi, la fiera degli stili di vita, e oggi vi racconto qualcosa su questa interessante raccolta di bijou, per celebrare i grandi maestri bigiottieri che hanno onorato il nostro paese con la propria abilità e il proprio gusto.

libellula

Ad aprire l’esposizione una collana iconica dello stile di Ornella Bijoux, che si distingue per l’amore per le forme naturali e i maxi volumi

(altro…)

Barbie The Icon, da collezione la mostra al Mudec

Barbie The Icon

Io da piccola il cicciobello non l’ho mai voluto. Volevo giocare con Barbie e i suoi meravigliosi vestiti, pettinare i suoi lunghi capelli biondi, immaginare feste con le amiche e matrimoni con Ken. Sempre perfetta, forse troppo, indiscutibilmente alla moda con un guardaroba invidiabile, Barbie è un’ icona da quel 9 marzo 1959 quando fu presentata, diventando regina indiscussa del reparto giochi e del cuore di tutte le bambine nate dagli anni 50 in poi. Un’icona, come la definisce la mostra a lei dedicata al Mudec, Barbie The Icon, che fino al 13 marzo 2016 accompagna tutte le bambine di oggi e di ieri in un viaggio in un mondo fatto di moda, magiche case, incredibili carriere e pezzi da collezione. Sono stata a visitare la mostra, che con i suoi telefoni rosa mi ha chiamato sulla linea dell’infanzia, componendo i numeri della sorpresa e della fantasia, che per fortuna un po’ mi sono rimasti, anche se sono passata dal telefono rosa allo smarthphone.

Barbie

La storia di Barbie, qui in uno scatto per la linea Collectors, dal modello Teen Age Fashion Model Barbie Doll (1959) fino alla Hard Rock Cafe #2 Barbie (2004)

Barbie

Drin Drin: siete pronte a iniziare la mostra? Liberate la fantasia, perché magia, moda e infanzia sono in linea

(altro…)

Gioielli di Gusto a Palazzo Morando

gioielli di gusto

Per chi ha il favoloso dono dell’ironia, anche nella moda, ama i gioielli e ama divertirsi, questa mostra è imperdibile. A Palazzo Morando, in via Sant’Andrea 6 a Milano, dal 18 settembre all’ 8 dicembre, Gioielli di Gusto, racconti fantastici tra ornamenti golosi, mette in mostra circa 200 pezzi tra gioielli e bijou che conducono il visitatore attraverso un viaggio poetico e surreale dell’interpretazione degli alimenti nel mondo dei monili, in tema con l’Expo ospitato da Milano. Orecchini a grappolo d’uva, anelli aragosta e collane pasta: il menù è molto ricco, declinato in molteplici stili, con materiali preziosi o semplice carta. Fanno da contorno/cornice splendidi origami piatti e posate, nell’allestimento ideato dal designer Alejandro Ruiz.

gioielli di gusto

Più veri del vero: bijoux in resina dell’artista giapponese Norihito Hatanaka

Dai bijou pop come quelli nella foto qua sopra, ai preziosi che descrivono con eleganza la bellezza delle forme naturali, la curatrice della mostra promossa dal Comune di Milano e insegnate di storia del gioiello Mara Cappelletti ha ideato quattro sezioni per raccogliere la vastità della produzione a tema cibo, simbolo del nutrimento e della vita. Il Gusto dei Gioielli è la sezione dedicata ai gioielli veri e propri, dalla collezione ottocentesca De Marchi agli oggetti contemporanei. Tra questi mi sono piaciuti molto gli orecchini in corallo rosso del Mediterraneo, zaffiri e brillanti di De Simone. Non mancano di ironia e starebbero molto bene come unico dettaglio sfizioso di un outfit ricercato.

gioielli di gusto

Orecchini in corallo mediterrano, zaffiri e brillanti, De Simone

Seconda sezione è il Gusto della Moda con tutte le ispirazioni modaiole che attingono a frutta, uova, dolci o pasta per inventare nuove forme e nuovi stili. In esposizione grandi nomi come Moschino, Marras, Krizia e Ferrè, ma anche Ornella Bijoux e Ayala Bar. Qualche incursione tra abiti e borse a tema food completa questa sezione, che rende omaggio al legame tra moda e cibo.

gioielli di gusto

In tavola maxi collana con noci pendenti e orecchini Yvone Christa New York Olive Tree

Vestito con uova all'occhio di bue

Dalla moda al Gusto Contemporary, sezione dedicata a pezzi unici realizzati ad hoc, che raccoglie il lavoro di 15 artisti del panorama internazionale e italiano. A me sono piaciuti moltissimo i bijou cioccolatino in carta realizzati da Angela Simone e le creazioni di la Hormiga, con frutta colorata e luminosa.

gioielli di gusto

Bijou ciccolatino n carta, Angela Simone

gioielli di gusto

La Hormiga bijou

Non poteva mancare una sezione dedicata al Vintage, con un raggio molto ampio, infatti ospita gioielli da metà ottocento fino alla bigiotteria degli anni ’90 con pezzi di Sharra Pagano, collezioni Fendi e Lagerfeld. Io ho adorato la collana pasta di Fendi che vedete nella foto qua sotto: belle le forme, bello il color oro, bella la semplicità ricercata.

gioielli di gusto

Collana pasta, 1980, Donatella Pellini per Fendi

Conclude la mostra un gentleman’s corner con una selezione di gemelli da polso. Consiglio la visita per scoprire qualcosa sulla storia del gioiello e del bijou, oltre che godere di una bella iniziativa per le appassionate di moda all’interno di Expo in città.

gioielli di gusto

Girocollo e bracciale con polpi colorati

COSA: mostra Gioielli di Gusto, racconti fantastici tra ornamenti golosi

DOVE: Palazzo Morando – Costume, Moda e Immagine, Via Sant’Andrea 6 Milano, dal 18 settembre all’8 dicembre 2015. Prezzo del biglietto della mostra + collezioni di Palazzo Morando 12 euro intero, 8 euro ridotto. Il martedì dalle ore 14.00 e la prima domenica del mese 7 euro intero, 4 euro ridotto. Orari: dal martedì alla domenica 10.00 – 19.30, lunedì chiuso.

1 2